BUON  MMXX!   VIDEOGALLERY: nuovo video sulla Levante

Verso un nuovo inizio

Maserati GranTurismo Zeda

Un altro capitolo della lunga storia Maserati si è chiuso lunedi 11 novembre 2019. A 12 anni dal debutto, la GranTurismo, e assieme ad essa la GranCabrio, è uscita di produzione.
Le linee senza tempo ideate dalla Pininfarina delle Maserati GranTurismo e GranCabrio, ad oggi ultime

eredi della famiglia di vetture sportive a quattro posti, per alcuni considerate da tempo obsolete, escono ora di scena ma continueranno ad esercitare un grande fascino in tutti gli appassionati delle belle auto complice anche l’emozionante e potente "ruggito" del suo motore vecchia maniera, un otto cilindri aspirato di 4.2 litri e 405 CV per le prime versioni e di 4.7 e 460 CV per le ultime versioni GranTurismo Sport e MC Stradale.
Considerando la tipologia di vettura, GranTurismo e GranCabrio, costruite rispettivamente in 28.805 e 11.715 unità, possono considerarsi modelli di successo.
Ora però è dunque arrivato il momento di girare pagina.



Per celebrare la cessata produzione delle due vetture e, ancor più, per simboleggiare la chiusura di un periodo di storia ed il suo volgersi alle sfide del futuro, Maserati presenta la GranTurismo Zéda.
Zeta, in modenese zéda: già il nome della vettura, in esemplare unico, destinato a fare da portavoce nel mondo della storia della Casa del Tridente e ad essere il simbolo della sua evoluzione, induce a far pensare che da ciò che può apparire come una fine “z” si può avere un nuovo inizio “a” ma che entrambi sono parte di una cosa sola, indissolubilmente legati.
La tradizione della Maserati è unica, il suo prestigio derivato dai successi sportivi e continuato con la produzione di vetture stradali di altissimo livello ha pochi uguali nella storia dell’automobilismo: non è possibile immaginare ad un futuro staccato dal passato della Casa.
La Zéda è una sorta di anello di congiunzione tra il passato della Casa ed il suo futuro, vuole rappresentare il passaggio verso la nuova era che prosegue nel solco della sua storia.
Questo concetto, oltre che dal nome, viene espresso anche dalla particolare colorazione della vettura frutto del Centro Stile Maserati che, nel corso della sua lunghezza, passa da un effetto satinato quasi a simulare un effetto dei tempi andati, l’effetto della carrozzeria grezza appena lavorata dai “battilastra”, per poi divenire un colore nelle sfumature del grigio che proseguendo arriva, nella parte anteriore, al blu Maserati che si evolve e diventa un blu elettrico.
E’ qui che la vettura vuole portarci: saranno infatti l’elettrificazione dei motori termici e l’avvento del motore elettrico le prossime sfide che la storia della Casa dovrà affrontare.
Questo sarà il nuovo capitolo della storia del Tridente.
Secondo il piano industriale recentemente presentato, FCA farà di Maserati il marchio del Gruppo all’avanguardia nell’elettrificazione e nella tecnologia applicata alle quattro ruote.

Piano industriale 2020-2023
Per dare corso a questi programmi, lo storico stabilimento di Via Ciro Menotti sarà ora interessato da un importante ammodernamento con l’installazione di innovative linee di produzione e verniciatura dedicate alla costruzione di una nuova super sportiva, una vettura ad alte prestazioni, caratterizzata da elevati contenuti tecnologici la cui uscita è prevista nel 2020.
La nuova generazione delle Maserati GranTurismo e GranCabrio, dotate anche di motore elettrico, è attesa invece per il 2022 e sarà costruita nell’impianto torinese di Grugliasco.
La Casa afferma che le varianti EV avranno capacità di ricarica “ultraveloci”, una lunga autonomia e modalità di guida uniche.
Le vetture, si assicura, manterranno dinamiche di guida e prestazioni degne della migliore tradizione Maserati.
Le Maserati del futuro verranno definite nel Maserati Innovation Lab, il centro di ricerca e sviluppo del Tridente dove ogni aspetto dell’auto viene concepito, progettato, collaudato e modificato in modo virtuale per mezzo di potenti computer e sofisticati software di simulazione prima che i prototipi siano fisicamente costruiti.
Il lavoro svolto nel Maserati Innovation Lab sarà determinante per raggiungere tre scopi: lo sviluppo di nuove tecnologie, la gestione delle complessità di ogni progetto e, infine, la loro sostenibilità ecologica, economica e gestionale.

Visita il Maserati Innovation Lab, guarda la presentazione della Maserati GranTurismo Zéda e l’evoluzione della Maserati GranTurismo e GranCabrio: vai alla Videogallery